Compaq Mini 311

By | 5 luglio 2010

Il Compaq Mini 311 è uno dei primi netbook che utilizza la tecnologia ION e finalmente uno schermo da 11″ capace di una risoluzione pari ai 1366×768.

Nel panorama abbastanza saturo dei netbook, iniziano a vedersi dei prodotti differenti per scelte e filosofie. Già in alcuni modelli è presente, ad esempio, la tecnologia touchscreen, che sembra sempre più in voga negli ultimi anni (probabilmente grazie anche ad Apple che ne ha promosso l’uso nei propri smartphone e simil-tablet recenti).
Compaq ha introdotto da qualche tempo nel mercato italiano, il Compaq Mini 311, netbook da 11″, che utilizza la piattaforma ION. Tale piattaforma è ben nota agli utilizzatori di HTPC in quanto permette alla scheda video di decomprimere flussi HD 720/1080p senza ricorrere all’uso del processore. Questa piattaforma è una panacea per coloro reputassero il processore Atom non all’altezza per un HTPC o un utilizzo ottimale di un netbook.
1
2

All’interno della confezione troverete:

– Il netbook Compaq Mini 311
– Una batteria 6 celle
– Un alimentatore di discrete dimensioni
– Un panno per pulire lo schermo

3

Il netbook ha una finitura esterna molto curata. Le fotografie sembrano far trasparire un colore diverso da quello reale, ma dal vivo posso assicurarvi che il colore è nero scuro laccato; molto bello da vedersi e con un design davvero piacevole, ma purtroppo vittima delle ditate, che purtroppo tendono ad essere visibili al minimo contatto.

4

 

5

Il netbook ha una chiusura a contatto, non sono quindi presenti “slide” o cerniere. Assomiglia molto ad un Apple MacBook Pro, con schermo nero e tastiera grigia. Quest’ultima è di pregevolissima qualità oltre che essere praticamente uguale anche in dimensioni ad una di un 15″. Non ha nulla da invidiare ad una tastiera di un notebook standard e la corsa dei tasti è fantastica. Sotto questo aspetto, il netbook è piacevolissimo da utilizzare in qualsiasi situazione, la digitazione continuata anche per diverse ore, non provoca l’affaticamento che invece si verifica con praticamente qualsiasi altro netbook (e anche tanti notebook!). Sembra proprio la tastiera “alluminum” dei vecchi Powerbook Apple.

6

7

8

Quanto incide la differenza tra un netbook da 10″ e uno da 11.6″?
La differenza non è così indifferente. Il pollice e mezzo di diagonale dello schermo in più, fa acquisire quasi 2cm di larghezza e profondità in più.
I puristi della massima portabilità noteranno indubbiamente una differenza, che incide probabilmente più a livello di centimetri che a livello di peso. Proprio a livello di peso, le differenze sono molto contenute (parliamo al massimo di 200/300 grammi in più, prendendo come esempio l’Advent 4211c della prova, il quale utilizza però una batteria da 3 celle mentre questo Compaq Mini 311 utilizza una soluzione a 6 celle).
Queste fotografie mostrano la differenza tra un 10″ e il netbook in prova, visti uno sopra l’altro e a livello di spessore.

9

10

11
Proprio lo spessore è quello che ha impressionato, mostrandosi più sottile del 10″, senza creare inestetismi nella parte della batteria da 6 celle (tipico dei netbook con batteria a 6 o più celle)

– CPU Atom 1.6ghz
– Schermo lucido da 11.6″ (risoluzione 1366x768px)
– 2gb di ram
– 160gb HD sata 2.5
– Chipset NVidia ION LE
– Scheda grafica Nvidia 9400M con una porta HDMI
– Peso complessivo 1.6kg

Sulla parte sinistra del netbook si trovano: il kensington lock, la presa d’alimentazione, una porta USB e la porta HDMI, utilissima si voglia eventualmente attaccare il netbook ad un LCD per la visione di un film in alta definizione.

12

Sulla parte destra del netbook si trovano: il lettore SD/SDHC, il jack audio in/out (purtroppo in condivisione, sebbene sia presente esternamente il microfono integrato), 2 USB, l’uscita VGA e una presa ethernet RJ-45. Ovviamente il netbook è dotato anche di scheda wireless draft-n e bluetooth integrato.

13

Conclusioni:
Questo netbook rappresenta lo stato dell’arte del filone netbook:
– uno schermo un po più grande, ma che non ci fa rimpiangere le dimensioni contenute dei classici netbook
– una tastiera fullsize, eccellente sia per il professionista che per l’utente standard
– un chipset ed una scheda video che producono prestazioni importanti (rapportate alle classiche schede Intel GMA950/3100/3150)
– un peso un po più importante, ma non così lontano da quello dei netbook da 10″ e senza dubbio ancora distanti dai notebook standard da 14/15″

Un prodotto bello, elegante, con batteria duratura (minimo 5 ore dai test).
Indubbiamente il netbook attualmente migliore in circolazione.

Le discussioni inerenti questo articolo le potete trovare qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *